ANTICHE MELE PIEMONTESI

La melicoltura piemontese ha una storia antica, iniziata nell’Alto Medioevo, quando gli ordini monastici coltivano e migliorano le varietà sopravvissute alle invasioni barbariche.

Attualmente, il Piemonte possiede un’inestimabile ricchezza in termini di biodiversità: circa 400 varietà di mele. Otto di queste varietà, ovvero Grigia di Torriana, Carla, Runsè, Dominici, Magnana, Calvilla bianca, Buras e Gamba fina, rientrano nella denominazione di “Antiche Mele Piemontesi”.

AREA DI PRODUZIONE

Nella provincia di Torino: Comuni di Bibiana, Pinerolo, Cavour, Bricherasio e Osasco.
Nella provincia di Cuneo: Comuni di Verzuolo, Piasco e Caraglio.

STAGIONALITÀ

La raccolta si svolge, in base della varietà considerata, dalla seconda decade di settembre alla prima decade di novembre. Durante il resto dell’anno possono essere consumate come trasformato.

NUMERO INDICATIVO DEI PRODUTTORI DI RIFERIMENTO
I produttori sono venticinque.

CONSIGLI PER IL CONSUMO

Le mele possono essere conservate per molto tempo in inverno, nelle condizioni giuste. È infatti importante tenerle mele in un luogo fresco, buio e con abbondante umidità. Una caratteristica più o meno comune a tutte le vecchie varietà di mele (l’eccezione è la Carla, che va consumata fresca) è quella di conservarsi a lungo e di diventare più saporite e aromatiche con il passare del tempo.

Alcune, come la Grigia di Torriana e la Buras sono particolarmente buone cotte al forno. Acidula, aromatica, fine e succosa, la Runsè è un’ottima mela da tavola. La Gamba Fina è delicata e dolce; la Magnana è una delle più buone, con la polpa dolce, acidula, soda e compatta; la Dominici è croccante, acidula, aromatica e profumata; la Carla è dolcissima e succosa; la Calvilla Bianca è fine, morbida, succosa e ha un sapore zuccherino-acidetto con una lieve punta di lampone (ottima nelle torte); la Calvilla Rossa è dolce acidula, croccante e molto saporita. I vini da abbinare alle mele, in generale, saranno i vini dolci se le mele vengono servite come dolce, altrimenti l’abbinamento dipenderà dalla preparazione.

INDICAZIONI NUTRIZIONALI

Le mele (54 calorie/100 g), sono molto ricche di fibre, ricche di potassio, contengono molta acqua (85%) e poco sodio, hanno un forte potere idratante e dissetante, che consente una buona eliminazione delle tossine.

La mela è un'importante fonte di vitamine: provitamina A, B1, B2, B5, B6, B9, C, E, PP. Ha anche una moltitudine di sali minerali, come magnesio, calcio, ferro, fosforo, rame, zolfo, zinco, ecc., essenziali per le cellule.

CONSORZIO DI TUTELA / ASSOCIAZIONE DI RIFERIMENTO
Associazione produttori antiche mele piemontesi.
C/o Scuola Malva Arnaldi, Via San Vincenzo, 48, Bibiana (To).

Presidente: Federica Quattrocolo, Tel. 333 1879521 - E-mail: antichemele@gmail.com