PATATA DI MONTAGNA

Le patate iniziarono a essere coltivate in Italia all’inizio dell’Ottocento, soprattutto nei territori premontani e montani. Nei territori montani della provincia di Torino, sino a 1800 metri s.l.m. vengono ancora coltivate antiche selezioni locali, che presentano qualità organolettiche di pregio.

Tre anni di sperimentazioni (Scuola Malva) hanno dimostrato inoltre che la resistenza naturale alle malattie cresce con l’aumentare della quota, annullando la necessità di trattamenti fitosanitari.

AREA DI PRODUZIONE

Nei territori montani della provincia di Torino, da 500 metri s.l.m. a 2.000 metri s.l.m. circa.

STAGIONALITÀ

Nelle zone a bassa quota la raccolta inizia a fine luglio, per terminare nelle zone ad alta quota verso ottobre. Il prodotto è reperibile fino a fine aprile, inizio maggio circa.

NUMERO INDICATIVO DEI PRODUTTORI DI RIFERIMENTO

I produttori sono circa una trentina.

PROCESSO DI LAVORAZIONE

La tecnica di coltivazione della patata di montagna in provincia di Torino rispecchia i dettami dell'agricoltura biologica: non si usa diserbante chimico e per la concimazione viene utilizzato principalmente letame bovino e ovino. Inoltre, la raccolta è manuale.

Poiché la coltivazione avviene in aree non troppo fertili, ma piovose e assolate, la resa non è molta, ma in compenso ne vengono esaltate le caratteristiche organolettiche-sensoriali. Nel Torinese, quindi, i produttori locali ne consigliano il consumo fresco e non sottopongono il loro prodotto a processi di conservazione.

CONSIGLI PER IL CONSUMO

Nella cucina tradizionale di montagna le patate vengono spesso consumate lesse in accompagnamento a formaggi, insalata, piatti in umido, cotechino. Gli gnocchi al formaggio erano il classico piatto della domenica in quasi tutte le zone di montagna. In Val Varaita si preparano "les ravioles" particolari gnocchi di forma affusolata.

L’abbinamento patate vino dipende dagli ingredienti che compongono il piatto.

CONSORZIO DI TUTELA / ASSOCIAZIONE DI RIFERIMENTO
Associazione dei produttori della patata di montagna della provincia di Torino.

Luogo: c/o Scuola Malva Arnaldi, Via San Vincenzo, 48, 10060 Bibiana (TO)
Presidente: Dario Brunetto, Tel. 0121 559459 - E-mail: info@scuolamalva.it

INDICAZIONI NUTRIZIONALI

Valori nutrizionali medi per 100 grammi di patate, pelate e crude:

Energia (kcal/100 g) 76 

(kJ/100g) 320

Grassi (g/100g) 0,1

di cui saturi (g/100g) 0

Carboidrati (g/100g) 15,6

di cui zuccheri (g/100g)0,7

Proteine (g/100g) 2

Sale (g/100g) 0